Sri Lanka: cosa ti serve sapere prima di partire

Sri Lanka, viaggio e avventura

Se stai organizzando un viaggio in Sri Lanka, sei atterrata nel posto giusto!

Ho già raccontato qui il mio itinerario di una durata di circa due settimane, passando dall’interno tra i siti archeologici e i safari, fino alla costa orientale dove potrai rilassarti sulle spiagge dell’oceano Indiano.

Ma prima di procedere con l’organizzazione vera e propria, sono sicura che sei curiosa di sapere tutta una serie di cose logistiche e di prevenzione, che ti serviranno per avere chiara la situazione per un viaggio in Sri Lanka.

Se non sei convinta di scegliere lo Sri Lanka come meta del tuo prossimo viaggio, in questo articolo trovi le 8 ragioni per cui devi assolutamente visitare questo meraviglioso paese.

Sri Lanka, Templi rupestri Dambulla
Piannawala orfanotrofio elefanti, Sri Lanka
Sri Lanka, nine arches bridge
Sri Lanka, Trincomalee

È sicuro viaggiare in Sri Lanka?

Nel 2022 il paese è entrato in una forte crisi contingentando carburante e il gas per uso domestico, provocando sommosse nella capitale Colombo e manifestazioni nelle maggiori città del paese.

Ad oggi la situazione è tornata ad essere calma e, malgrado la crisi economica che il paese continua ad affrontare, i flussi turistici hanno ripreso da tutto il mondo. Ti invito a visitare la pagina di Viaggiare Sicuri per ricevere informazioni in tempo reale.

Tuttavia, io sono stata proprio ad agosto 2022 sebbene ci fosse stato di allerta, e fuori da Colombo non ho riscontrato nessuna situazione problematica, né mi sono sentita in pericolo.

Cosa serve per partire in Sri Lanka?

  1. Il passaporto, con almeno 6 mesi di validità
  2. È richiesto un visto ETA della durata di 30 giorni ad un costo di 50 USD – obbligatorio prima della partenza, che puoi ottenere facendo domanda tramite il sito ufficiale del Governo
  3. All’arrivo sarà richiesto di compilare una scheda “Disembarkation card” presso gli sportelli di controllo passaporti, oppure online
  4. Se hai una nazionalità straniera e hai bisogno di più informazioni riguardo all’entrata, puoi recarti sul sito ufficiale del Dipartimento srilankese per l’Immigrazione e l’Emigrazione e su quello dell’Immigration Services Centre 

Quando viaggiare in Sri Lanka?

Il periodo dell’anno è da fondamentale per decidere quando partire, perché le stagioni dei monsoni dividono il paese in due:

  • Da maggio a settembre i monsoni sono previsti sulla costa sud-ovest dell’isola, perciò meglio concentrarsi su un viaggio che veda il centro del paese (con possibili piogge nel centro sud) e tutta la costa est.
  • Da novembre a metà marzo i monsoni sono previsti sulla costa orientale, per questo è consigliato orientarsi sulla bellissima costa sud-occidentale.

Trattandosi di un’isola all’altezza dell’equatore con un clima tropicale, i monsoni non durano tutta la giornata. Puoi avere grosse nuvole per la maggior parte del tempo, ma i rovesci durano pochi minuti fino a un paio d’ore. Essendo anche un’isola montuosa, alcune zone risultano molto più fresche di altre. Per questo sarà importante portare con sé un k-way e una felpa calda anche se nel resto dell’isola avrai una media di 26-30 gradi.

Come muoversi in Sri Lanka?

Quando ho iniziato a organizzare il mio viaggio, mi sono resa conto che tante zone del paese non erano coperte dai mezzi pubblici, sebbene alcune zone fossero ben collegate. Per questo, ho deciso di affidarmi a un Driver ed è stata la miglior decisione che potessi fare.

Qui alcune info utili per aiutarti ad orientarti tra le diverse possibilità di spostamento.

  • Treni: i viaggi in treno sono divisi per prima, seconda e terza classe. La tratta che ti consiglio è da Kandy a Nuwara Eliya e Ella, viaggio che può essere ritenuto uno dei più belli al mondo, tra colline con piantagioni di tè e piccoli villaggi. Durante la mia permanenza in Sri Lanka il turismo era ai minimi storici e i treni non erano affollati. Visto che (fortunatamente) l’affluenza ha ripreso, ti suggerisco di prenotare il treno qualche giorno prima per assicurarti di avere un posto seduto. Io solo salita dalla stazione di Nanu Oya e il viaggio fino ad Ella dura 3 ore e mezza. Attenzione: la terza classe non può essere comprata in anticipo e chi arriva per primo meglio alloggia! Regalati la prima o la seconda classe, così viaggerai comodamente e potrai dedicarti ad osservare la vista dal finestrino.
  • Autobus: perfetti per viaggi con zaino in spalla e per spostamenti senza l’ansia del tempo a disposizione. Sono sempre affollati, ti immergerai nella cultura locale e chissà, rimarrai anche sorpresa! Però non arrivano dappertutto e rischi davvero di perdere tempo.
  • Driver: tutti coloro che conosco e che sono andati prima di me hanno optato per questa soluzione. I driver sono anche guide e quando il meteo non è stato dalla nostra parte, con il Driver abbiamo potuto creare dei piani B last minute. Ho creato l’itinerario da sola e poi lo avevo mandato all’organizzazione che mi ha affidato il driver, Home – Vio Holidays, per loro parere. Abbiamo così migliorato il più possibile l’esperienza durante le due settimane di viaggio.

Nota: non è obbligatorio appoggiarsi a un tour operator. La mia scelta è stata soprattutto dettata dallo stato di allerta del paese ancora ad agosto 2022 e volevo essere sicura di scegliere posti che potevo visitare senza incorrere in eventuali pericoli. Mi sono trovata benissimo con loro, soprattutto perché hanno potuto consigliarmi davvero i luoghi che dovevano essere visti fuori dal solito giro turistico.

Sri Lanka, treno per Ella
Sri Lanka, Templi rupestri Dambulla
Sri Lanka, Trincomalee
Sri Lanka, torre Ambuluwawa

Cosa vedere: l’interno dello Sri Lanka

Lo Sri Lanka è un paese profondamente eterogeneo, dove si passa da foreste lussureggianti a safari con gli animali liberi nel loro habitat naturale, fino a santuari e reliquie di immenso valore storico e archeologico, passando da coste infinite di sabbia fina e oceano Indiano dove i surfisti possono divertirsi tra le onde.

Insomma, è un viaggio per gli appassionati di avventura, che amano salire tanti gradini fino ai templi e che si lasciano meravigliare dalle gemme di una civiltà tanto ricca quanto antica.

In questo articolo ho creato una guida dei miei 12 giorni in Sri Lanka: giorno dopo giorno tra natura, storia e oceano.

Sri Lanka, Ella
Egodawewa Sri Lanka
Sri Lanka, piantagione di tè
Sri Lanka, Trincomalee

SALVA PER DOPO

Sri Lanka cosa ti serve sapere prima di partire

Copertina Image by alexeyzhilkin on Freepik
Tutte le altre foto sono mie © Olimpia Louise Bruno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Verified by MonsterInsights